Zagreo, I Cacciagalli, 2013

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
image_pdfScarica in PDF

Di Antonio Indovino

Roccamonfina Fiano IGT, Zagreo, I Cacciagalli, 2013

zagreo-i cacciagalli-2013-roccamonfina-fiano-vino-vino bianco-vino campano-vino macerato-storia azienda-abbinamento-antonio indovino-degustatore ufficiale-sommelier
 
L’Azienda Agricola I Cacciagalli nasce nel 2004 alle falde del cratere di Roccamonfina, nel cuore della “Campania Felix”, un’areale conosciuto sin dall’epoca romana per il singolare contesto pedo-climatico dove la natura vulcanica del sottosuolo rappresenta un’eccellenza geologica per la coltivazione della vite.
La conduzione agronomica ed enologica è curata dalla proprietaria stessa, Diana Iannacone, che ha scelto per l’azienda il nome che da sempre contraddistingue la zona in cui si trova la storica Masseria di famiglia.
L’approccio in vigna è di tipo “naturalistico” secondo i dettami dell’agricoltura “biodinamica”.
La vinificazione è di tipo non “interventista” con fermentazioni spontanee in anfora, bassissimo uso di solforosa, senza additivi aggiunti né tantomeno chiarifiche e filtrazioni.

Come si traduce tutto ciò nel calice?
Come direbbe un mio amico e compagno di bevute, Luigi Casciello, questa è una “divagazione sul tema” in merito al Fiano: 3 mesi di macerazione a contatto con le bucce, complessivamente 8 mesi circa in anfora prima dell’imbottigliamento.
Siamo di fronte ad un “Orange Wine”, opalescente, di buona consistenza.
Al naso, appena va via la leggera riduzione iniziale, il vino si offre con dinamismo regalando un quadro alquanto variopinto di mela verde, erbette e fiori di campo, note minerali, gessose, per poi sfociare in sottili sentori di agrumi canditi e miele di millefiori.
Al sorso è di grande impatto, gioca tanto sulle durezze, fresco e sapido, con una percettibile astringenza dovuta all’estrazione di componenti fenoliche in fase macerativa che preclude in parte una buona persistenza.
Siamo fuori dai “comuni schemi” e pertanto i concetti di equilibrio ed armonia potrebbero essere opinabili, sicuramente questo vino ha delle caratteristiche fortemente contraddistintive e le carte in regola per poter evolvere ulteriormente.
Servito ad una temperatura di 12/14°C previa caraffatura e re-imbottigliamento può ben accompagnare un piatto di “Mischiato Delicato in Brodetto di Gallinella di Mare”.

 
Prezzo in enoteca: 10-15€
Contatti: www.icacciagalli.it/it

Antonio Indovino, Sommelier dello Yacht Club di Marina di Stabia,
Responsabile del GDS AIS Penisola Sorrentina

I contenuti presenti sul blog Il Narratore Enoico, dei quali è autore il proprietario del blog, non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © Il Narratore Enoico by Antonio Indovino. All rights reserved.

Lascia un commento