Taurasi Riserva della Società, Joaquin, 2009

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
image_pdfScarica in PDF

Di Antonio Indovino

Taurasi DOCG, Riserva della Società, Joaquin A.A., 2009

Taurasi Riserva della Società 2009 Joaquin

La cosa che più m’intriga dei vini di Joaquin (leggi i miei precedenti post su Joaquin A.A.) è il concetto che c’è a monte, ancor prima di arrivare a valle….e quindi di averli nel bicchiere. Dietro ogni vino c’è un progetto, un qualcosa che può sembrare incomprensibile, ma che diventa immediatamente chiaro quando si capisce che è unico, non ripetibile. Qualora è riproposto (come il “Dall’Isola” od il “Fiano della Stella“) comunque non è replicabile perchè c’è la variabile annata, perchè c’è la voglia di produrre vini più o meno convenzionali (secondo i punti di vista), ma sicuramente con un’identità, un’anima: quella di Raffaele Pagano.

Il progetto di cui vado a parlare quest’oggi è figlio di Paternopoli, un territorio di “rossisti”, una di quelle zone in cui gli appassionati di vini campani dovrebbero entrare “in punta di piedi”. Si tratta quindi di un rosso di caratura importante, del Taurasi Riserva Della Società 2009: il primo Taurasi di Raffaele!
Il vino è rimasto 30 giorni a contatto con le bucce nelle vasche di fermentazione, dopodichè è stato messo a “riposare” per più di 4 anni in botti d’acacia (prodotte da Stockinger) senza filtrazione alcuna, attendendone la spontanea stabilizzazione tartarica a temperatura di cantina, poi bottiglia fino ad’oggi!

All’assaggio si presenta con una vivida, fitta ed impenetrabile veste granata, muovendosi lento e composto nelle roteazioni del bicchiere. Al naso inizialmente si sentono le viole passite, le prugne mature, delle note iodate, pepate e balsamiche, poi lentamente vira sul cacao, l’humus e la carruba.
Il sorso è da fuoriclasse, pieno, materico, con dei tannini vigorosi e di pregevole fattura che trovano la loro complicità in una grande freschezza solo all’appareza comprimaria. In bocca chiude intriso di “sapore” che accompagna a lungo il palato con i suoi ritorni aromatici.

Un pezzo da “90” da godere senza fretta, per il suo lento incedere nel bicchiere, magari accompagnandolo con qualche buon piatto della verace e terragna cucina irpina.

Prezzo in enoteca: 120-130€
Contatti: www.joaquinwines.com

Antonio Indovino, Sommelier dello Yacht Club di Marina di Stabia,
Degustatore Ufficiale e Responsabile del GDS AIS Penisola Sorrentina

I contenuti presenti sul blog Il Narratore Enoico, dei quali è autore il proprietario del blog, non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © Il Narratore Enoico by Antonio Indovino. All rights reserved.

Lascia un commento

Antonio Indovino sommelier nato a Vico Equense in provincia di Napoli è grande appassionato del mondo del vino, degli sport e di tutto ciò in cui c’è sana competizione.

Recent Posts