Ognostro, Marco Tinessa, 2012

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
image_pdfScarica in PDF

Di Antonio Indovino

Vino Rosso VDT, Ognostro, Marco Tinessa, 2012

Ognostro 2012 di Marco Tinessa

Raccontare la storia di Marco Tinessa e del suo vino Ognostro non è cosa facile se non si comprende la logica che c’è a monte. Lui è di origini beneventane, un broker di professione ed un sommelier per passione. Ecco, la parola chiave che dà un nesso a tutto è la passione: quella che a poco più di 20 anni lo spingeva a girare per le cantine più importanti d’Italia e non solo, quella con cui, nel 2006, ha convinto un contadino di Montemarano, riuscendo e mettere le mani su pochi filari di vecchie viti di Aglianico. Grazie alle origini siciliane della mogie conosce Frank Cornelissen, con cui condivide l’idea di produrre dei vini purmente artigianali, con cui nel 2007 vinifica sull’Etna la prima annata di Ognostro: alla ricerca della pura espressione di un uva e del territorio. Solo 600 bottiglie prodotte, frutto di bassissime rese in vigna, di fermentazioni spontanee cui seguono 7 mesi di macerazione, di 3 anni in anfora ed 1 anno di bottiglia: senza filtrazioni nè stabilizzazioni, e con pochissima solforosa aggiunta. Adesso con consapevolezza effettua macerazioni più brevi, è passato dalle anfore alla vetroresina ed al cemento, lavora in bio su qualche filare in più, produce 2000 bottiglie e sogna un secondo vino, magari beneventano, ed un’azienda agricola tutta sua! 

La 2012 è evoluta nel colore, comunque vivido, e densa nel calice: per estratto più che per concentrazione cromatica. Al naso inizialmente emergono profumi di terra, ginepro e caffè macinato, con richiami di ciliegie nere sotto spirito, alloro, cera ed una nota ematica di fondo. Il sorso è d’impatto, morbido ed avvolgente in prima istanza, poi la grande freschezza sovverte il quadro facendo il gioco di un tannino fitto e vigoroso, ma comunque lenitiva ed in simbiosi con una piacevole percezione sapida. Lunga, coerente e gratificante la chiusura di bocca, in cui si ripropongono principalmente i tratti aromatici scuri e vegetali. Un rosso di carattere e capace di evolvere ulteriormente, da bere in un calice piuttosto ampio, a 16°C, con uno Stinco di Maiale al forno.

Prezzo in enoteca: 30-35€ (per le ultime annate commercializzate)
Contatti: www.ognostro.it

Antonio Indovino, Sommelier dello Yacht Club di Marina di Stabia,
Degustatore Ufficiale e Responsabile del GDS AIS Penisola Sorrentina
 

I contenuti presenti sul blog Il Narratore Enoico, dei quali è autore il proprietario del blog, non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © Il Narratore Enoico by Antonio Indovino. All rights reserved.
 

Lascia un commento