Don Vincenzo, Casa Setaro, 2013

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
image_pdfScarica in PDF

Di Antonio Indovino

Lacryma Christi del Vesuvio Rosso DOC, Don Vincenzo, Casa Setaro, 2013

Ci troviamo a Trecase, nel Parco Nazionale del Vesuvio, sul versante sud del vulcano quiescente: una zona in cui la viticoltura è radicata da millenni. Qui i Setaro, una comune famiglia contadina, nel corso degli anni hanno acquistato diverse vigne dislocate lungo questi pendii sabbiosi, dall’Alto Tirone al Bosco del Monaco, ed il vino da esse ottenuto era destinato al consumo proprio ed alla vendita dello sfuso. Massimo nel 2004 raccoglie il testimone di papà Vincenzo e, con la stessa passione, decide di prendersi cura di quelle viti storiche a piede franco di varietà autoctone come il Piedirosso e l’Aglianico, unica come il Caprettone! L’identità forte di questi terreni, e la grande variabilità in poche decine di metri, hanno spinto Massimo a dare un taglio netto col passato, alla creazione di un marchio proprio che potesse raccontarle. I dogmi imprescindibili sono stati le massime di papà Vincenzo: “rispetta ed ama la terra e lei saprà ricompensarti”, “nulla è più leale della natura, se dai ricevi”. Insieme alla moglie Mariarosaria, inizia così a “calare” le vecchie pergole a filari, per mantenere le viti storiche pur adeguandone il sistema di allevamento. Poi, oltre ad un approccio rispettoso e ragionato in vigna, è iniziata una grande sperimentazione in cantina: senza interventi eccessivi ma capace di dar vita a prodotti unici nel loro genere, come il metodo classico da Caprettone.

Quest’oggi vi parlo del rosso più ambizioso di Massimo, della riserva prodotta in onore del padre: il Don Vincenzo del millesimo 2013. Ottenuto da un uvaggio di Piedirosso ed Aglianico che crescono tra i 220 ed i 350 m di altitudine e vengono allevati con la tradizionale pergola vesuviana ed a spalliera con potatura a guyot. La fermentazione avviene in acciaio dopo una criomacerazione di 48 ore, ed il vino matura in tonneaux di rovere francese per 24 mesi prima dell’imbottigliamento.

Nel calice si tinge di un vivido rubino dall’orlo che vira verso granato. Al naso è arioso, dominato da profumi di amarena ed alloro, di geranio, legna arsa e radice di liquirizia. Il sorso è succoso ed agile, di grande freschezza e sapidità, con tannini maturi, perfettamente integrati e mai invasivi, ed una lunga scia terrosa e minerale.
Un rosso da bere a 16°C in abbinamento a dei Mezzanelli alla Gernovese di Pollo.

Prezzo in enoteca: 10-15€
Contatti: www.casasetaro.it

Antonio Indovino, Sommelier dello Yacht Club di Marina di Stabia,
Degustatore Ufficiale e Responsabile del GDS AIS Penisola Sorrentina
 

I contenuti presenti sul blog Il Narratore Enoico, dei quali è autore il proprietario del blog, non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © Il Narratore Enoico by Antonio Indovino. All rights reserved.
 

Lascia un commento