Bue Apis, Cantina del Taburno, 2004‏

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
image_pdfScarica in PDF

Di Antonio Indovino

Aglianico del Taburno DOCG, Bue Apis, Cantina del Taburno, 2004

Ci troviamo nel beneventano, alle pendici del Taburno Camposauro: un massiccio calcareo isolato dell’Appennino campano ad ovest di Benevento, separato dai promontori del Matese dalla Valle Telesina, e dai monti del Partenio dalla valle Caudina.
La Cantina del Taburno è di proprietà del Consorzio Agrario di Benevento, fondato il 23 Giugno del 1901, che, con il suo fondamentale ruolo socio-economico in oltre un secolo di attività, si è reso il punto di riferimento degli agricoltori locali ed il responsabile dello sviluppo dell’agricoltura sannita.

La Cantina, situata nel comune di Foglianise, è stata realizzata nel 1972 con lo scopo di divenire il nesso tra i 300 viticoltori e la valorizzazione delle uve provenienti da circa 600 ha di vigne distribuite nei territori dei comuni ubicati alle pendici della montagna: Foglianise, Torrecuso, Vitulano, Campoli del Monte Taburno, Castelpoto, Apollosa, Bonea, Montesarchio, Ponte, Tocco Caudio, Paupisi e Benevento.
L’ecosistema viticolo di tale territorio è molto singolare per la natura e l’esposizione di questi terreni collinari, argillosi e calcareo-marnosi: presupposto alla base di una viticoltura volta alla produzione di vini di qualità!

La rigorosa assistenza tecnica, fornita alle aziende viticole da un nutrito gruppo di agrotecnici, costituisce l’essenza odierna della Cantina del Taburno, il cui scopo è valorizzare al massimo il lavoro e l’esperienza dei singoli coltivatori e potenziare l’attività di ricerca, con l’intento di ottenere la massima espressione qualitativa degli storici vitigni della zona. I vini che vengono prodotti in azienda sono il risultato di un minuzioso e rigoroso lavoro di ricerca viticola ed enologica di Filippo Colandrea e Luigi Moio.

Quest’oggi ho avuto la possibilità di degustare il Bue Apis 2004.
È un vino prodotto dalla vinificazione di Aglianico Amaro in purezza proveniente da una vigna centenaria lungo la Dormiente del Sannio, allevata a raggiera libera, ubicata in contrada Pantanellaa 350 metri s.l.m.
Le uve, raccolte manualmente nella prima decade di novembre, vengono vinificate ed elevate per 24 mesi in barriques di castagno e rovere, nelle quali fermentano a contatto con le bucce per 40 giorni.
Successivamente il vino viene fatto affinare per almeno un anno in bottiglia prima della commercializzazione.

La Degustazione
Nel calice il vino si presenta con una veste granata impenetrabile, di grande consistenza e vivacità di colore.
Il naso è di grande impatto e stratificato. Si riconoscono sentori di frutta in primis, la marasca sotto spirito e la confettura di more, poi seguono note che ricordano il cuoio, il tabacco, il caffè, il pepe, l’humus, ed infine note balsamiche e di incenso.
In bocca ha una buona morbidezza cui fanno da contr’altare una grande freschezza, una piacevole sapidità ed un tannino dalle spalle grosse ma perfettamente integrato, lì al suo posto a sorreggere la struttura di questo grande vino. Notevole è la persistenza gusto-olfattiva, con richiami balsamici e fruttati, che completa il profilo di un vino assolutamente armonico, maturo e di grande equilibrio, da poter gelosamente conservare ancora in cantina per gli anni a venire.

Personalmente ho avuto modo di apprezzare in pieno il Bue Apis in un ampio calice ad una temperatura di 18/20°C, stappato circa 3 ore prima di degustarlo. Ne consiglierei l’abbinamento con un piatto di grande personalità come i Mugliatielli al Ragù.

Prezzo in enoteca: 40-45€ (per le ultime annate in commercio)
Contatti: www.cantinadeltaburno.it

Antonio Indovino, Sommelier dello Yacht Club di Marina di Stabia,
Degustatore Ufficiale e Responsabile del GDS AIS Penisola Sorrentina

I contenuti presenti sul blog Il Narratore Enoico, dei quali è autore il proprietario del blog, non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all’autore stesso.
E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma.
E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.
Copyright © Il Narratore Enoico by Antonio Indovino. All rights reserved.
 

Lascia un commento